Diventare cosmetologo

Diventare cosmetologo

Ciao Whiris!

Eccoci finalmente con una nuova intervista: abbiamo chiesto a Maria Pia Priore, dottoressa in Farmacia e iscritta al COSMAST, di parlarci del suo percorso universitario e di raccontarci cosa l'ha spinta a cercare un'alternativa rispetto al solito ruolo che ci viene in mente quando pensiamo al farmacista. Potete seguirla su instagram (@dott.ssa_mariapiapriore), dove quotidianamente spiega la scienza dietro (e dentro!) i cosmetici.

Come hai scelto quale Università fare?
Inizialmente il mio obiettivo era di entrare alla facoltà di Medicina e Chirurgia, ma data la difficoltà del test non sono riuscita a superarlo. Farmacia è stata la mia seconda scelta, ma il percorso universitario non mi entusiasmava perché ero legata alla mia idea di sempre, cioè che "da grande" avrei fatto il medico.
Continuando con Farmacia e iniziando a studiare materie come Chimica inorganica, mi sono appassionata e ho capito che non avrei lasciato questa strada.

Hai mai dubitato di quello che studiavi? Se sì, come hai superato questo scoglio?
Ho dovuto superare diversi ostacoli, come è giusto che sia. Tra tutti, l'ostacolo più grande è stato il superamento dell'esame di Chimica organica, una materia a me completamente nuova e non facilmente comprensibile. Non riuscire a superarla subito, insieme agli altri esami che non sono certo una passeggiata di salute, mi aveva abbattuta e demoralizzata, al punto da farmi credere di voler cambiare percorso. Poi ci ho riflettuto meglio: ho capito che mollare non mi avrebbe aiutata a crescere, sarebbe stata solo una scelta di comodo. Quindi mi sono catapultata nello studio e, con la giusta grinta, ce l'ho fatta!

In cosa hai scelto di specializzarti? Quale percorso hai scelto e perché?
Dopo la laurea in Farmacia presso l'Università di Parma, ho continuato con il Master in Scienze e Tecnologie cosmetiche (COSMAST) presso l'Università di Ferrara, il centro didattico di cosmetologia più antico d'Europa.
In effetti durante gli ultimi anni universitari mi ero appassionata sempre di più al mondo della cosmesi e soprattutto alla formulazione: quando si entra in profumeria, si vede il prodotto nella sua confezione, già sistemato sullo scaffale; io, invece, volevo sapere cosa c'era dietro quella texture e quale ricerca aveva portato a combinare insieme gli ingredienti, dalla cui sinergia era nato il prodotto. Mi affascinava e mi affascina tuttora la scienza che c'è dietro. Così ho capito che "da grande" avrei fatto la cosmetologa.

Che lavoro fai ora? In cosa ti è utile quello che hai studiato? Quali competenze/capacità ti sono utili nel tuo lavoro?
Sicuramente è fondamentale conoscere la chimica e solo un percorso come Farmacia, CTF, Biologia o Chimica (queste ultime solo dopo specializzazione, poiché si tratta di un Master di secondo livello, ndr) può fornire le conoscenze utili ad affrontare questo Master.
Da più di un anno sto lavorando al mio progetto, ovvero la realizzazione della mia linea cosmetica, che a breve sarà acquistabile online! Mi sono occupata personalmente di tutti gli step, a partire dalla formulazione. Lavorare sodo, giorno dopo giorno, mi ha permesso di trasformare il mio sogno in realtà.

Vorrei concludere dicendo che a prescindere dal percorso universitario, che voi stiate studiando Economia o Giurisprudenza, Medicina o Ingegneria, gli ostacoli ci sono e ci saranno sempre. Se avete un'idea, combattete per lei, siate coraggiosi e realizzate ciò che avete in mente. Non arrendetevi subito: solo voi avete la possibilità di creare la vostra opportunità!

Pubblicato da Valentina Inzillo, in collaborazione con Parola di Quattrocchi.

No comments yet.

Entra in WhiriWhiri per poter commentare.

Accedi