Come passare il tempo stando a casa

Come passare il tempo stando a casa

In questo periodo, tutti gli studenti d’Italia sono a casa. Le scuole sono chiuse, le lezioni vengono svolte online e tutte le attività extra-didattiche sono sospese. Ciò significa che nella giornata c’è moltissimo tempo che libero avanza – tempo che non tutti sanno come utilizzare. Allora ecco qua un paio di idee.

Pulire
Insomma, visto che tanto siamo bloccati in casa e visto che le pulizie sono comunque da fare, perché non approfittarne per fare le classiche primaverili? Tutti quelli che sono riusciti a tornare a casa avrebbero l’imbarazzo della scelta. Per esperienza, ci sono scaffali della libreria o ante dell’armadio in cui metto cose che non uso e poi dimentico, e in questi giorni, rispolverandole e sistemandole, mi ritrovo per le mani oggetti di cui avevo dimenticato persino l’esistenza. È anche un bel modo per ricordare un po’ il passato, no? E poi, dare una mano con le pulizie è sempre bello.

Cucinare
I fuorisede probabilmente non avranno problemi – oppure non ne avranno voglia, visto che cucinano quasi sempre –, ma in questi giorni di reclusione forzata in casa potrebbero essere utili per tutti imparare qualche ricetta. Per chi non ha mai cucinato – per impratichirsi, per provare qualcosa di nuovo, per diventare un po’ più indipendente – e per chi lo fa perché è un fuorisede. In quest’ultimo caso, potrebbe essere un buon modo per prepararsi al ritorno, in modo da non avere più dubbi su cosa cucinare.

Videochiamare gli amici
Ok, forse è banale, come cosa, ma magari non è scontata. Io – come tutti – mi vedevo spessissimo con gli amici, quindi perché rinunciare quando l’epoca in cui viviamo ci mette a disposizione strumenti ottimali con cui poter videochiamare anche tre o quattro o cento persone alla volta? Giusto per fare due chiacchiere, o giusto perché nessuno potrebbe stare due mesi senza sentire gli amici più chiari. Esistono persino programmi che permettono a più persone di vedere lo stesso film contemporaneamente, con una chat vocale per commentare. Non è quasi come essere tutti insieme, no?

Giochi da tavolo
Qui parla il nerd che è in me, ma fa lo stesso: penso che in questo periodo i giochi da tavolo siano il modo migliore per passare il tempo in famiglia. Sì, è vero, ci sono anche i videogiochi, però quelli portano via troppa concentrazione. I giochi di società, invece, sono più rilassanti, si fanno in gruppo, sono divertenti – e io amo tutti i dadi e le carte e il tabellone e le pedine… Ricordo un capodanno di due giorni in montagna con niente se non tre o quattro giochi da tavolo: sono stati sinceramente fra i giorni più belli della mia vita. Inoltre, molte case editrici hanno messo a disposizione gratuitamente dei giochi da stampare a casa, quindi non avete più scuse. Provare per credere.

Pubblicato da Alessandro Mambelli.

No comments yet.

Entra in WhiriWhiri per poter commentare.

Accedi