Consigli e trucchi per Risparmiare

Consigli e trucchi per Risparmiare

Uno dei problemi più grandi per chi è fuorisede è senza dubbio il risparmio. Vivere da soli, infatti, è molto più costoso di quanto si pensi: l’affitto (e in base alla città può cambiare parecchio), uscire la sera (magari non in questo periodo, ma in generale sì), la spesa… Ecco allora alcuni consigli utili per risparmiare durante la vostra vita da fuorisede.

Fare la lista della spesa prima di andare al supermercato può essere un consiglio banale, ma non è così scontato. Sapere sin da subito cosa comprare, infatti, permette di risparmiare tempo e soprattutto denaro; limitarsi agli acquisti sulla lista ci impedirà di lasciarci andare a spese folli ed estemporanee. Certo, una volta arrivati davanti agli scaffali è bene prendersi tutto il tempo per controllare i prezzi e le offerte, oppure cercare le confezioni più grandi per i cibi non deperibili (di solito costano meno e durano di più). Una soluzione molto salutare ed economica, poi, potrebbe essere quella di comprare prodotti a chilometro zero – soprattutto frutta e verdura –, ma è chiaro che in città universitarie come Milano o Roma è difficile. Anche i cibi precotti sarebbero da evitare, ma è chiaro che durante il semestre non è così semplice organizzare tutti i pranzi e tutte le cene. Però è facile trovare un buon discount in cui fare la maggior parte della spesa – come carta igienica o assorbente, spazzolino da denti… eccetera.

E i buoni sconto? Tutti quanti conoscono il programma tv Pazzi per la spesa, e tutti sanno che i buoni sono molto utili. Non voglio dirvi di spingervi fino a quei limiti, ovviamente, ma se avete la possibilità di usarne qualcuno, non vedo perché non farlo. Inoltre, tenete bene a mente che molti prodotti – soprattutto di discount – hanno un certo nome e un certo marchio ma fanno parte di aziende più grandi e famose, quindi qualche ricerca preliminare può aiutarvi a farvi risparmiare qualcosa. Infine, conviene decidere un giorno solo e fare la spesa per la settimana in una volta: si risparmia tempo e si comprano le cose che servono evitando le stupidaggini.

In casa, invece, si possono seguire alcune semplici accortezze per risparmiare qualcosa. Se le spese fossero escluse, per esempio, potrebbe essere una buona mossa sostituire le lampadine, magari mettendoci quelle a basso consumo; oppure regolare i termosifoni attraverso il termostato. Staccare le spine della tv, del computer e degli altri apparecchi elettronici che non si usano sempre può essere un’altra piccola accortezza, così come usare la lavastoviglie e la lavatrice solo quando sono piene (se queste due sono in casa, ovviamente).

Anche vendere i vecchi vestiti o i vecchi oggetti che non ci servono più potrebbe essere una soluzione per guadagnare qualche spicciolo da reinvestire. Oggigiorno, in tutte le grandi città universitarie (e anche in quelle più piccole) ci sono un sacco di mercatini dell’usato.

L’ultimo consiglio che posso darvi è quello di scaricare una qualche app per monitorare le spese. Avere costantemente sotto gli occhi ogni acquisto, infatti, può aiutare a trattenersi, o a capire meglio dove poter eccedere un po’.

E voi? Quali accortezze usate per risparmiare? Fatecelo sapere nei commenti!

Pubblicato da Alessandro Mambelli.

No comments yet.

Entra in WhiriWhiri per poter commentare.

Accedi