Come scegliere l’università giusta? 3 consigli da cui partire

Come scegliere l’università giusta? 3 consigli da cui partire

Buondì Whiris!

Marzo è ormai agli sgoccioli, l'aria profuma di primavera e non tutti ne sono contenti.
C'è chi ha già iniziato a starnutire e a loro va tutta la mia comprensione: se odiate il mondo siete scusati.

Per molti la primavera è sinonimo di cambiamento, di novità.
E l'università è entrambe le cose.

Corsi, compagni e ambienti non saranno più gli stessi.
E se da una parte questo crea un grande entusiasmo, dall'altra può portare incertezza.
Come scegliere l'università giusta?

L'idea di iniziare un percorso che si riveli impossibile da portare a termine, spaventa tutti.
Nonostante il detto "sbagliando si impara" venga distribuito come il cocco in estate, lo sbaglio è percepito come un fallimento.

Del motivo magari parleremo in un secondo momento.
Nel frattempo vorrei condividere con voi 3 consigli che mi avrebbe fatto piacere ricevere in quinta liceo, o comunque prima di iscrivermi all'università.

1. Gli amici non hanno le risposte in tasca

Gli amici non hanno le risposte in tasca

Chi trova un amico trova un tesoro.
Si dice così, giusto?
E se si tratta di un amico vero, allora ve lo confermo.

L'importante è ricordarsi che, a prescindere dal legame instaurato, gli amici non hanno le risposte in tasca.
Soprattutto quando si tratta del nostro futuro.

Mi spiego meglio.

A inizio anno ho scritto un articolo dedicato all'ansia per il futuro, in cui vi consigliavo di non scegliere il vostro percorso in base agli altri.
Quindi se per i vostri migliori amici la scelta giusta è biotecnologie, siete sicuri che valga anche per voi?

Questa cosa di seguire il branco, stare in compagnia prima di tutto, poteva funzionare alle elementari e alle medie. Già alle superiori iniziava a scricchiolare e forse qualcuno di voi c'è pure rimasto in mezzo.
Con l'università la questione è ancora più importante.

Io avevo il timore di allontanarmi troppo da casa, dal mio ragazzo e dalle amiche.
Ero rimasta incantata da Barcellona durante la gita di quinta liceo e ho scelto di studiare lingue moderne a Parma.
Se avete letto qualche altro articolo qui su Whiri Whiri allora sapete che è non è andata affatto bene.

Il lato positivo è che ho conosciuto persone meravigliose e ho capito cosa volevo studiare per davvero.

2. Fatevi delle domande e datevi delle risposte

Fatevi delle domande e datevi delle risposte

Titolo più criptico e al contempo più banale non potevo crearlo.

L'idea è quella di chiedersi cosa ci piace fare e cosa odiamo fare.
Partite dalle materie che studiate, cercando di andare oltre la persona che ve le insegna nel caso in cui non vi stia particolarmente simpatica.

Il mio suggerimento è quello di fare una lista per tenere sott'occhio quello che vi piace di più.
E non andate in panico se storia comparirà vicino a fisica.
Avere interessi differenti è una bellissima cosa e può portarvi a trovare la soluzione.

Un esempio?
Lo sapete che all'università ci si può specializzare in storia della scienza?
E che dopo una laurea in medicina, chimica o fisica si può intraprendere una carriera giornalistica?

L'università offre anche questo: l'opportunità di unire passioni e interessi.

3. Andare a ritroso: quel lavoro è una vera figata

Quel lavoro è una vera figata

Anche partire dall'obiettivo che si vuole raggiungere è una buona idea.
Ed è proprio su questo che si basano le whiri-interviste

Ogni mese intervistiamo una persona, indaghiamo sui suoi percorsi di studi e cerchiamo di capire:

  • cosa l'ha portata a scegliere quel mestiere;
  • quali esami le sono stati utili;
  • come ha vissuto il periodo universitario e se si è pentita di qualcosa.

Insomma, se è vostra intenzione scoprire se un lavoro fa per voi o meno, le whiri-interviste fanno proprio al caso vostro.
E nel caso in cui vogliate contribuire parlando del vostro percorso o scrivendo tra le pagine di questo blog, siete i benvenuti!
Vi basta cliccare qui.

Alla prossima!

Pubblicato da Francesca Panciroli, in collaborazione con Parola di Quattrocchi.

No comments yet.

Entra in WhiriWhiri per poter commentare.

Accedi